Come insegnare ai bambini a non utilizzare la plastica

Gennaio 22, 2022

Categoria: Articoli

Tutti Gli Articoli

Il 2021 è stato un anno decisivo per il consumo di plastica. Grazie alla nuova normativa europea che vieta la vendita di prodotti in plastica monouso e mira a contrastare lo scorretto smaltimento dei rifiuti, il punto di svolta tanto atteso è finalmente arrivato.
Secondo la Commissione Europea infatti, oltre l’80% dei rifiuti che inquinano i nostri mari è costituito da plastica ed è per questo che la nuova DIRETTIVA (UE) 2019/904 del 5 giugno 2019 ha voluto abolire:
“posate di plastica monouso (forchette, coltelli, cucchiai e bacchette), piatti di plastica monouso, cannucce di plastica, bastoncini cotonati fatti di plastica, bastoncini di plastica per palloncini, plastiche ossi-degradabili, contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso”.
Con l’obiettivo di raccogliere, inoltre, il 90% delle bottiglie di plastica presenti in mare entro il 2029.

Sempre più comuni, scuole e famiglie hanno deciso di eliminare la plastica dalla propria vita quotidiana, attraverso scelte sostenibili e una sensibilizzazione sempre crescente al tema dell’inquinamento.

Dopotutto, se il cambiamento parte da noi, è nostro il compito di salvaguardare il futuro dei nostri figli insegnando loro l’importanza di non utilizzare la plastica.

Insegnare ai bambini a non utilizzare la plastica

Esistono tanti metodi per sostituire la plastica d’uso quotidiano con soluzioni più sostenibili e quando si tratta di bambini, il modo migliore per farlo è trasformare tutto in un gioco. Nelle scuole sono già presenti numerosi programmi a favore dell’ambiente, come ad esempio sul riciclo e sulla raccolta differenziata, e portare il giusto esempio anche in casa è indispensabile per adottare le giuste abitudini.

Vediamo quindi alcune soluzioni per insegnare ai bambini a non utilizzare la plastica e scegliere soluzioni plastic free.

Evitare giocattoli di plastica

È vero, la maggior parte dei giocattoli odierni è composta da plastica. Tuttavia esistono anche tantissimi giochi in legno, stoffa o plastica riciclata, ugualmente divertenti e con il vantaggio di essere sostenibili e duraturi. Per un compleanno o durante le feste quindi sarebbe meglio optare per giochi in materiali ecologici e che abbiano un impatto inferiore sull’ambiente.
Inoltre, riciclare i giocattoli in famiglia è un buon metodo per ridurre gli sprechi sia a livello ambientale che economico.
I bambini infatti si stufano in fretta dei propri giochi, anche quando questi ultimi sono ancora in buono stato. Ma questo non vuol dire che siano da buttare.
Per dare loro nuova vita, possiamo regalare quei giocattoli usati ad amici e cuginetti piccoli che a loro volta potranno poi regalarli ad altri bambini e così via.

Riciclare la plastica attraverso il gioco

Spiegare l’importanza di riciclare la plastica ad un bimbo non è sempre facile se non si è in grado di renderlo divertente. Per introdurre il tema del riciclaggio si possono inventare piccoli giochi e sfide capaci di stimolare la sua curiosità e allo stesso tempo di insegnare qualcosa. Anche le storie educative sono un ottimo metodo per far apprendere ai più piccoli le tematiche più importanti del nostro presente e del loro futuro.

Per questo Hydra ha ideato “Le avventure di Lentina”: una raccolta di tre fumetti e due album da colorare per sensibilizzare i bambini delle scuole elementari al tema della sostenibilità in maniera divertente e creativa.
Le avventure di Lentina raccontano l’impatto della plastica sul nostro pianeta, attraverso le vicende della piccola tartaruga e dei suoi amici, ed ogni fumetto comprende piccole attività utili per il tuo bambino sul tema della sostenibilità.

A questo proposito, per colorare i personaggi degli album, cercate di preferire le matite di legno: sono una scelta più ecologica rispetto ai comuni pennarelli di plastica!

fumetto plastica

Evitare posate di plastica durante le feste di compleanno

Quando si organizza una festa di compleanno per bambini la scelta delle stoviglie ricade spesso e volentieri su quelle di plastica. Dopotutto sarebbe impensabile organizzare una festicciola utilizzando piatti e bicchieri di vetro o porcellana. Tuttavia, lo spreco e l’inquinamento prodotti da una semplice festa durano più di un giorno per il nostro ecosistema.
Ma allora, come possiamo sostituire le stoviglie e le posate di plastica con un’alternativa green? Basta scegliere la carta riciclata!
Piatti, posate, bicchieri…Esistono numerosi prodotti in commercio in carta biodegradabile, perfetti per sostituire la plastica monouso.
Persino le cannucce, tanto amate dai bambini, presentano ormai alternative in materiali sostenibili come la carta o addirittura riutilizzabili come l’acciaio.
In questo modo non dovrai temere per l’incolumità dei bambini o dei tuoi piatti e potrai organizzare feste di compleanno in tutta serenità e soprattutto…totalmente plastic free.

Snack fatti in casa

La merenda è importante nella giornata di un bambino e di una bambina: spesso però i genitori scelgono di comprare merendine preconfezionate e succhi di frutta in contenitori di plastica perché più comodi e veloci. Oltre a non essere molto salutari, l’uso di plastica impiegata nelle merendine è altamente insostenibile per l’ambiente.
È meglio preferire torte e snack fatti in casa abbinati ad un frutto di stagione o un succo fresco, che oltre ad essere più salutari per l’alimentazione del tuo bambino, riducono il consumo di plastica monouso.

Eliminare le bottigliette di plastica

A scuola, durante le gite, in montagna…le bottigliette d’acqua sono ancora le più utilizzate per accompagnare i bambini nelle loro attività quotidiane. Ma a quale costo? Come abbiamo visto, i rifiuti che inquinano il nostro mare sono composti in larga scala anche da bottiglie d’acqua.

Si stima che, continuando così, entro il 2050 i mari saranno popolati più dalla plastica che dai pesci.
Ma la soluzione per sostituire la bottiglietta comune esiste già: parliamo della bottiglia termica o borraccia. Comode, sicure e rispettose dell’ambiente, rappresentano la migliore soluzione per l’ecosistema e per le proprie finanze, essendo durature nel tempo.

Come scegliere la borraccia per il tuo bambino

Per scegliere la borraccia perfetta per il tuo bambino ci sono diversi fattori da considerare. I principali sono: materiale, peso, costo, durabilità, design e la capacità.

La scelta dei materiali è sicuramente tra i principali fattori da tenere in considerazione: questo perché il tipo di materiale influisce sulla sicurezza, sulla facilità d’uso, sulla pulizia e sulla potenziale durata della borraccia stessa.
Vetro, plastica e acciaio sono solitamente i più utilizzati per la produzione di bottiglie termiche.

  • Il vetro tuttavia è un materiale pesante e delicato, poco conforme all’utilizzo che potrebbe farne un bambino. Infatti, subendo degli urti importanti, la bottiglia di vetro rischierebbe di rompersi e provocare ferite al piccolo.
  • La plastica invece è un materiale economico e leggero, molto versatile. Tuttavia non garantisce la totale salubrità del contenuto poiché, con il passare del tempo e in determinate condizioni, la plastica rischia di rilasciare sostanze all’interno dell’acqua.
  • L’acciaio inossidabile rappresenta invece un’ottima scelta perchè sicuro, facile da pulire e non trattiene gli odori. In questo modo l’acqua non rischia di cambiare sapore o odore e rimane pura come appena spillata dall’erogatore!
    L’acciaio infatti è eccezionalmente resistente, quindi più duraturo rispetto alla plastica e sebbene il prezzo sia leggermente superiore alle altre alternative, la borraccia in acciaio rimane la soluzione migliore in termini di qualità-prezzo per la salute di tuo figlio.

Per i più piccoli inoltre, va tenuto in considerazione anche il materiale del beccuccio che deve essere il più morbido possibile per evitare possibili rischi.

Anche il peso è un fattore importante: il tuo bambino deve poter sollevare la bottiglia in totale autonomia, senza bisogno d’aiuto da parte di un adulto. Un materiale troppo pesante potrebbe scoraggiare l’utilizzo della borraccia.

Sostituire le bottiglie di plastica con bottiglie riutilizzabili

Come fare quindi a sostituire le bottiglie di plastica con le bottiglie termiche riutilizzabili nella quotidianità del tuo bambino?
Scegliere un design divertente, magari con il personaggio preferito di tuo figlio, è un’ottima soluzione per favorirne l’uso.
Inoltre, se tutti i membri della famiglia hanno la propria bottiglia, anche i più piccoli ne vorranno una per sé: sta ai più grandi quindi dare il buon esempio e coinvolgere i bambini nell’apprendere nuove abitudini più sostenibili.

Preferire la bottiglia riutilizzabile significa non soltanto aiutare l’ambiente, ma garantire la salute della propria famiglia grazie all’acqua controllata di casa.